Zoom
- 1 2 3 + Font size

Clicca per ingrandire

Strumenti
Ricerca
.
Servizi

Gambe pesanti? La soluzione è naturale


Gambe gonfie? Formicolii? “Nervosismo alle gambe”? Crampi? Capillari in evidenza? Uno o più di questi sintomi può essere collegato ad un problema di cattiva circolazione.
Questo termine è ormai diffuso e ricorrente perché molte sono le persone che ne soffrono, soprattutto con l’arrivo dell’estate quando si accentua per gli effetti del caldo.

I disturbi
Gambi pesanti 3Gambe e piedi rivestono un ruolo fondamentale per la circolazione sanguigna e rappresentano delle vere e proprie “pompe” che aiutano il ritorno del sangue verso il cuore. Le vene degli arti inferiori sono provviste, inoltre, di valvole a nido di rondine che aiutano a veicolare il sangue verso l'alto e ne impediscono il reflusso verso il basso.
Un sistema così complesso e delicato può essere soggetto a problemi di risalita del sangue. Il termine “cattiva circolazione” indica proprio la serie di fastidi che possono comprometterne il funzionamento ottimale.
Tra le sensazioni più comuni: pesantezza, affaticamento, gonfiore, formicolio, prurito, dolore... e, non in ultimo, gli antiestetici capillari rotti.

I fattori che concorrono allo sviluppo del disturbo sono la stanchezza, lo stare troppo in piedi o troppo seduti, il camminare poco, l'ereditarietà. Alcune volte la cattiva circolazione è un fenomeno episodico e sporadico; se invece si manifesta con frequenza si parla di “insufficienza venosa”.

Accorgimenti utili
Gambe pesanti 2Per cercare di prevenire e mantenere le proprie gambe in salute anticipando i disturbi dovuti ad una cattiva circolazione, è bene intervenire con piccoli accorgimenti:
• fare almeno un po' di attività fisica al giorno per mantenere elastici i muscoli e le vene delle gambe;
• evitare di assumere alimenti troppo grassi o salati, che favoriscono la ritenzione dei liquidi;
• bere molti liquidi durante la giornata;
• evitare di stare troppe ore in piedi nella stessa posizione o seduti;
• È consigliabile indossare calze collant a compressione graduata poiché comprimono maggiormente la caviglia, rispetto ai polpacci e alla coscia, aiutando la risalita del sangue verso l'alto. Da evitare i gambaletti, che non aiutano il flusso del sangue;
• non indossare scarpe con tacchi troppo alti;
• evitare di esporsi al sole nelle ore più calde della giornata poiché il calore provoca la dilatazione delle vene. Per gli stessi motivi è bene non eccedere con lampade a raggi ultravioletti, saune e bagno turco;
• bagni o docce fredde e idromassaggio sono coadiuvanti al miglioramento della circolazione;

I consigli della Natura
Gambe pesanti 1Anche l'utilizzo delle piante è un valido e sicuro aiuto nel trattamento e nella prevenzione dei disturbi circolatori.
Una pianta molto utile per questo tipo di disturbi è la Centella asiatica.
La Centella asiatica vanta un'azione protettiva verso la parte delle vene, poiché stimola la produzione di collagene, che rende vene e capillari più resistenti e più elastici.
La componente attiva estratta dalla pianta è la cosiddetta frazione totale triterpenica (FTTC) ed è costituita per il 40% da asiaticoside e per il rimanente 60% da acido asiatico e madecassico. Va precisato che la FTTCA ha una comprovata efficacia verso l’insorgenza e la progressione dei problemi circolatori degli arti inferiori. Un rimedio, quindi, da assumere prontamente nei mesi primaverili, concentrando il trattamento in quelli estivi che sono notoriamente i più critici.
La tollerabilità del prodotto naturale permette di affrontare serenamente un’assunzione ciclica durante l’anno.

 

La salute con le piante:

- Centella Asiatica